CELEBRARE LA NAZIONE Grandi anniversari e politiche della memoria nel mondo contemporaneo

Convegno internazionale di studi nei
 150 anni dell’Italia unita VITERBO, 10-12 MARZO 2011

Archivio per 4 Marina Tesoro

Abstract Marina Tesoro

Lo Statuto albertino: l’anniversario dei primi 50 anni

di Marina Tesoro (Un. Pavia)

Il 4 marzo 1898 cade il cinquantesimo anniversario della concessione dello Statuto. Quell’anno la Festa nazionale, ritualmente rispettata nel Regno d’Italia la prima domenica di giugno, assume giocoforza una particolare solennità. L’octroi carloalbertino costituisce l’evento fondativo dell’Italia unita, la pietra miliare della pedagogia nazionale, l’incipit irrinunciabile della narrazione patriottico-identitaria, che lega in un unico, inestricabile, intreccio lo Statuto, la Nazione e la Corona. Il Cinquantenario avrebbe dovuto celebrarsi come primo giubileo della nazione, nella forma dello stato monarchico costituzionale, sotto lo stemma Savoia. Tuttavia la situazione generale stride con lo spirito, non diciamo di una festa nazional-popolare, ma anche di una ostentazione ufficiale e trionfale dei simboli del potere. Si sta per raggiungere l’acme di quello stato di disagio economico e sociale destinato a esplodere nella prima settimana di maggio; le istituzioni, compresa la Corona, sono investire da una crisi di legittimazione. Il Governo Di Rudinì e la Real Casa mostrano una certa riluttanza a affrontare la questione; domina l’incertezza circa la modalità celebrativa da adottare nell’occasione. Alla fine, scartata l’ipotesi di scegliere Torino come centro dei festeggiamenti e anticipata, solo per quell’anno, attraverso un’apposita legge, la Festa dello Statuto al 4 marzo, si decide che la celebrazione debba svolgersi in due tempi, il primo e principale a Roma in coincidenza con la data da commemorare, il secondo a Torino, dove si inaugurerà l’Esposizione generale italiana, progetto da tempo in cantiere, e dove l’8 maggio si ricorderà l’avvio del Parlamento subalpino. La commemorazione romana si svolge in Campidoglio, sede del Municipio di Roma, alla presenza del re e di tutte le alte cariche dello stato e di 300 sindaci delle città italiane. Il ruolo particolarmente valorizzato dei rappresentati le comunità locali e l’oscuramento del Parlamento rendono evidente l’intento celebrativo degli organizzatori: Questo modo di sovrapporre l’immagine della Corona a quella dell’Italia dei comuni e di enfatizzare la posizione della capitale, pur nell’abbraccio con le città sorelle, riflette un’ipotesi commemorativa non improvvisata e neppure inedita. Tuttavia, in questa specifica occasione, proprio perché in qualche modo fuori asse rispetto all’evento che si andava a commemorare, la scelta di trascurare il luogo fisico e simbolico della sovranità popolare, evidenzia un preciso orientamento da parte degli attori in campo. Al di là dell’omaggio reso a parole ai “liberi ordinamenti”, nati cinquant’anni prima, nella retorica commemorativa si mira a rilanciare la rappresentazione di un’Italia che ha preso le distanze dai disegni coloniali, ma che, unita e coesa intorno al re, ambisce comunque a dimostrarsi forte all’interno e potente sullo scenario internazionale. Come asse portante dello Statuto si celebra la corona in combinazione non con il Parlamento, come ben richiederebbe la specifica circostanza evocativa, bensì associata al mito, sempre appagante, di Roma capitale e collegata al principio della legittimazione plebiscitaria. Il secondo tempo del programma celebrativo si svolge a Torino in un clima surreale. La città vive una atmosfera di calma all’apparenza gioiosa, mentre il Paese è sconvolto da una onda montante di protesta e di tensione che dilaga da sud verso nord e si cominciano a contare i morti in  piazza. A Milano la rivolta sembra prendere la dimensione dell’insurrezione popolare. La logica di valorizzare le identità locali per costruire un discorso patriottico unificante che gli attori istituzionali, consapevoli del rischio, avevano voluto applicare anche nella circostanza del Cinquantenario, poggiava sulla convinzione che fosse abbastanza consolidata la rappresentazione conciliante e moderata del Risorgimento ruotante intorno al perno della Corona e che sarebbe stato facile controllare gli inevitabili conflitti commemorativi in realtà territoriali dove allignavano culture politiche antagoniste. Così si ammise senza sforzo che la commemorazione del cinquantenario potesse anche diluirsi lungo tutto l’anno nelle diverse realtà locali per ricordare gli eventi rivoluzionari del 1848. Si sottovalutò di considerare che negli ambiti popolari le drammatiche condizioni economiche, combinate con il ricordo recente delle vittime nella fallimentare impresa coloniale e associate alla memoria del  “diritto alla rivolta” che aveva mosso i patrioti nel Risorgimento poteva tradursi in una miscela esplosiva. Mentre a parole si celebrava la nascita dei liberi ordinamenti rappresentativi attraverso lo Statuto, la risposta fu lo stato d’assedio. D’altra parte, il riconoscimento degli elementi modernizzanti e garantisti presenti della Carta fondamentale, che era venuto proprio nelle circostanza dell’anniversario da altre parti dello schieramento costituzionale e anche dalle opposizioni, consentì di comporre quel composito fronte in difesa dello Statuto che permetterà di contenere la sfida autoritaria e favorire la svolta liberale di inizio secolo.

Bibliografia essenziale
D. Farini, Diario di fine secolo, vol.II, Bardi, Roma 1962

U. Levra, Il colpo di stato della borghesia. La crisi politica di fine secolo in Italia.1896-1900, Feltrinelli, Milano, 1975

B. Tobia, Una patria per gli italiani, Laterza, Bari, 1991,

I. Porciani, La festa della nazione. Rappresentazione dello Stato e spazi sociali nell’Italia unita, il Mulino, Bologna, 1997

P. Colombo, Con lealtà di Re e con affetto di padre. Torino, 4 marzo 1848: la concessione dello statuto albertino, il Mulino, Bologna, 2003

M.Ridolfi, Feste nazionali, il Mulino, Bologna, 2003

M. Tesoro (a cura di), Monarchia, tradizione, identità nazionale. Germania, Giappone e Italia tra Ottocento e Novecento, Bruno Mondadori, Milano, 2004

C. Brice, Monarchie et identità nazionale en Italie, EHSS ed., 2010

C.Brice, M. Baioni (a cura di), Celebrare la nazione. Anniversari e commemorazioni nella società contemporanea, “Memoria e Ricerca”, n.34, 2010